EXTRA

èxtra [dal latino extra «fuori»].

1. In origine, «(che è) fuori di, oltre» 2. In pubblicità commerciale (sul modello del francese extra, forma accorciata di extraordinaire), è usato come prefisso con valore superlativo 3. In altri casi significa straordinario, insolito, non usuale.

EXTRA è anche acronimo di Ex Tipografia Razzauti ed è la storia di una riconversione industriale degli spazi nel centro storico di Livorno in galleria d’arte e di fotografia: dismessi i vecchi macchinari per la stampa, i locali, interamente ristrutturati, diventano luogo inclusivo di aggregazione e socializzazione sulla fotografia e sulle arti visive: galleria espositiva, “salotto” di conversazione, laboratorio di idee, piccolo auditorium e sala posa. Un open space, in tutti i sensi, punto di riferimento della diffusione e della valorizzazione dei contatti, dove l’incontro tra gli artisti e gli amanti dell’arte, favorisce il miglioramento dei rapporti tra esseri umani, arricchendone l’educazione all’immagine, tramite scambio di esperienze, conoscenze, condivisioni e sinergie.

Pensare a cooperazioni tra artisti, per natura prevalentemente individualisti, è di per se’ un fatto fuori dal comune, insolito, non usuale, extra-ordinario appunto. EXTRA si occupa di arti visive a 360° curando esposizioni per artisti, dalla progettazione dei contenuti all’idea della comunicazione e della promozione cartacea e digitale. Sviluppa, inoltre, progetti formativi dedicati ai temi fondamentali dell’immagine e della fotografia attraverso corsi, workshop e consigli, anche attraverso la pubblicazione di libri e di cataloghi d’arte.